Lecco, 28 novembre 2022   |  

Serbia ingenua o Camerun bravo a crederci fino al termine?

Difficile da dire.Forse l’una o l’altra cosa. Fatto sta che le due nazionali si sono divise la posta pareggiando per 3-3 al termine di una partita pirotecnica che i serbi, avanti per 3-1 , sembravano poter fare loro

CAMERUN

di Cristiano Comelli Difficile da dire.Forse l’una o l’altra cosa. Fatto sta che le due nazionali si sono divise la posta pareggiando per 3-3 al termine di una partita pirotecnica che i serbi, avanti per 3-1 , sembravano poter fare loro. Le due squadre colgono quindi il primo punto del mondiale che permette loro di tenere accesa una fiammella di speranza nella qualificazione agli ottavi.

PRIMO TEMPO – La Serbia parte meglio e ci prova già al 6’ con un’incornata di Mitrovic che, su cross dalla destra, si perde oltre la traversa. Mitrovic sembra avere il pungiglione ben affilato e all’11’ sfiora il vantaggio con un diagonale che si stampa sul palo. La squadra di Stojkovic fa la voce grossa anche all’11’ con Kostic che però spara alle stella. Il Camerun prova a rispondere al 16’ ma la conclusione di Nkolou si perde sul fondo. La partita riserva ritmi elevati e uno spettacolo piacevole. La Serbia ci riprova al 17’ con il solito Mitrovic che però, da ottima posizione, sbaglia non approfittando di un disimpegno scomposto della difesa camerunense. Al 19’ il Camerun risponde sfoderando con Kunde la prima , vera occasione della sua gara con un diagonale che impegna Milinkovic Savic in corner. Sugli sviluppi di quest’ultimo i leoni indomabili, come sono ribattezzati dai loro tifosi, passano inaspettatamente in vantaggio con Castelletto (di origini italiane, padre novarese e madre camerunense) che sbuca su spizzata di testa di Nkolou e supera il portiere serbo. La nazionale di Stojkovic non se la dà per inteso e riprende a macinare offensive a testa bassa, al 39’ Tadic spara altissimo su passaggio di Kostic. Al 43’ Kunde ha un’ottima occasione per raddoppiare ma , dopo essersi involato bene in contropiede, prima spara su Milinkovic Savic e poi conclude alto. Al 46’ la Serbia perviene al pareggio con Pavlovic che, sugli sviluppi di una punizione di Tadic, interviene di testa superando Epassy. Tempo due minuti e la squadra di Stojkovic capovolge il risultato a suo favore grazie a S. Milinkovic Savic che raccoglie la sfera da Zivkovic e infila Epassy con un forte tiro. Al 50’ Mitrovic potrebbe siglare il 3-1 ma il suo tiro si perde a lato.

SECONDO TEMPO – Il gol dell’attaccante serbo era però soltanto rimandato e arriva al minuto 8 della ripresa con una gran conclusione dal limite. E’ il 3-1 per la Serbia che sembra avere messo definitivamente le mani sulla gara e avere riscattato quindi la sconfitta del turno inaugurale contro il Brasile. Il Camerun, però, non alza bandiera bianca e al 17’ ci prova con un tiro di Toko su cui Milinkovic Savic fa buona guardia. E’ il preludio del gol del riavvicinamento degli africani che arriva al 19’ con il nuovo entrato Aboubakar, bravo a infilare il portiere serbo con un pallonetto. I leoni indomabili spingono ulteriormente sull’acceleratore e al 21’ Champo, su assist di Aboubakar, completano la rimonta siglando il 3-3. La Serbia si butta in avanti alla ricerca del nuovo vantaggio ma Mitrovic, al 44’, spara a lato su assist di Tadic. Nel finale si ha un’occasione per parte, al 50’ N’Koudou impegna Milinkovic Savic e un minuto dopo è Grujic a dare lavoro a Epassy. Finisce 3-3 al termine di una partita tra le più belle finora regalate da questo mondiale.

TABELLINO

CAMERUN- SERBIA 3-3

CAMERUN: Epassy, Fai, Castelletto, Nkolou, Tolo, Hongla (10’s.t: Aboubakar), Kunde (23’s.t: Bassogog), Anguissa (37’s.t: Oum Gouet), Mbeumo (37’s.t: Nkoudou), Choupo-Moting, Toko Ekambi (23’s.t: Ondoua). All. Rigobert Song.

SERBIA: V.Milinkovic Savic, Milenkovic, Vejkovic (34’s.t: Babic), Pavlovic (11’s.t: Mitrovic S.), Zivkovic (34’s.t: Grujic), Maksimovic, Lukic, Kostic (47’s.t: Djuricic), Tadic, S. Milinkovic Savic (34’s.t: Radonjic), Mitrovic A.. All.Dejan Stojkovic.

Arbitro: Mohammed Abdulla (Emirati Arabi Uniti)

Marcatori: p.t. 29’ Castelletto (Ca), 46’ Pavlovic (S), 48’ Milinkovic Savic (S). S.t: 19’ Aboubakar (Ca), 21’ Choupo- Moting (Ca).

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

1 Febbraio 1945 in Italia viene introdotto il suffragio universale con il quale, per la prima volta, viene dato diritto di voto alle donne

 

Social

newFB newTwitter