Milano, 10 marzo 2022   |  
Salute   |  Milano

Milano, Arma dei Carabinieri giornata per la prevenzione tumore al seno

Gli Ufficiali Medici hanno invitato tutto il personale femminile a rivolgersi all’Infermeria Presidiaria per qualsiasi necessità, proponendosi inoltre di svolgere la funzione di collegamento con la struttura sanitaria.

DSC 0128

Giovedì mattina 10 Marzo, presso la Sala Green del Mi-Co (Milano Convention Center) di Milano, si è tenuto un convegno dedicato alla “prevenzione del tumore al seno” in favore del personale femminile dell’Arma dei Carabinieri.

Durante l’incontro, organizzato dal Comando Legione “Lombardia” in collaborazione con l’Ospedale “Fatebenefratelli” di Milano, moderato dal Ten. Col. Sigfrido Valenti, Direttore dell’Infermeria Presidiaria del Comando Legione, sono intervenuti il Dott. Giancarlo Oliva, Primario del Reparto di Radiologia P.O., il Dott. Marcello Orsi, responsabile del Reparto di Radiologia Senologica, il Maggiore Silvia Spitoni ed il Capitano Maria Carolina Romanelli, Ufficiali Medici.

Il Dott. Giancarlo Oliva, nel corso del suo intervento, ha sottolineato l’importanza della diagnosi precoce della patologia, che in questi casi risulta quindi spesso guaribile e con cure meno invasive, possibile grazie a visite ed esami a cui le donne possono e devono sottoporsi, anche se in assenza di sintomi.

Il Dott. Marcello Orsi ha poi illustrato più nel dettaglio quali sono le armi a disposizione per diagnosticare la malattia, ovvero un iniziale e sommario controllo che ogni donna può effettuare su se stessa, seguito poi da una visita specialistica e da esami specifici che permettono di evidenziare la presenza di carcinomi anche in assenza di noduli o sintomi evidenti.

In conclusione infine, gli Ufficiali Medici hanno invitato tutto il personale femminile a rivolgersi all’Infermeria Presidiaria per qualsiasi necessità, proponendosi inoltre di svolgere la funzione di collegamento con la struttura sanitaria.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Agosto 1941 Massimiliano Kolbe muore nel bunker della fame ad Auschwitz dopo essersi offerto volontario al posto di un altro prigioniero.

Social

newFB newTwitter