Como, 27 novembre 2022   |  

Il Como tiene il Bari sul pareggio

di cristiano comelli

Dall’illusione di una vittoria, peraltro di prestigio, al risveglio con un pareggio.

stadium gd10cb5275 640

Il Como costringe il Bari sull’1-1 al “Luigi Sinigaglia” dopo avere disputato una prova di buona fattura contro una compagine ambiziosa e in lotta per i playoff. Resta il giallo del rigore di cui i lariani hanno beneficiato nel primo tempo con una rete di Blanco in ribattuta e poi non fatto ripetere. Un episodio che avrebbe potuto regalare ai lariani una vittoria placcata oro in chiave sicurezza. Ma tanto è, la compagine di Moreno Longo, che ha subito il pareggio proprio all’ultimo minuto e sempre su rigore, è sempre terzultima con 14 punti e continua a navigare nel mare tempestoso della zona retrocessione.

PRIMO TEMPO- Al 3’ il Bari ci prova con Folorunsho ma il suo tiro dal limite termina fuori. Al 10’ il Como risponde con Cerri dalla distanza ma Caprile blocca. Al 20’ è sempre l’attaccante lariano a mandare sul fondo con un colpo di testa. Al 23’ il Como beneficia di un penalty concesso dal direttore di gara dopo un consulto con il Var in seguito a un contatto tra Folorunsho e Iovine. Dagli undici metri Cerri si fa deviare sul palo la conclusione, Blanco riprende e insacca. Ma, colpo di scena, tutto da rifare. L’arbitro, però, dopo l’orientamento iniziale, non fa ripetere il rigore, si stabilirà che la causa sia nella presenza di Blanco nella lunetta dell’area al momento dell’esecuzione. Al 34’ Cerri cerca di rifarsi ma spedisce sul fondo un tiro dal limite. Al 47’, però, arriva un altro penalty per i lariani per un intervento falloso di Pucino. Dagli undici metri, stavolta, Cerri non stecca.

SECONDO TEMPO - Al 2’ Blanco, in diagonale, prova a dare un dispiacere a Caprile ma senza riuscire nell’intento. Al 4’ il Bari va a un soffio dal pareggio con Scheidler che però non invita a nozze la mira. Al 25’ è Cutrone, pescato da Cerri, a fallire il raddoppio comasco, al 33’ D’Errico , dal limite, sfiora il pareggio barese, Ghidotti fa buona guardia. Il Como sembra avviato a passare alla cassa a riscuotere l’intera posta quando , invece, al 41’, l’arbitro concede un rigore al Bari per un intervento con il braccio di Arrigoni. Dagli undici metri Botta esegue il compitino alla perfezione e finisce 1-1, con un po’ di rammarico in casa lariana e un sospiro di sollievo dei galletti.

COMO –BARI 1-1

COMO: Ghidotti, Vignali (10’s.t: Da Riva), Odenthal, Solini, Cagnano (10’s.t: Ioannou), Iovine, Bellemo, Arrigoni, Parigini (18’p.t: Blanco, 28’s.t: Binks), Cutrone (28’s.t: Mancuso), Cerri. A disposizione: Vigorito, Fabregas, Gabrielloni, Scaglia, Celeghin, Delli Carri, Ambrosino. All. Moreno Longo.

BARI: Caprile, Pucino, Terranova, Vicari, Dorval, Mallamo (17’s.t: D’Errico), Maiello (40’s.t: Bellomo), Folorunsho (1’s.t: Galano), Salcedo (1’s.t: Botta), Antenucci (17’s.t: Ceter), Scheidler.A disposizione: Frattali, Gigliotti, Zuzek, Bosisio, Cangiano, Benedetti. All.Michele Mignani.

Arbitro: Marchetti di Ostia Lido.

Marcatori: p.t: 47’ Cerri (Rig) (Co). S.t: 41’ Botta (Rig) (Ba)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

1 Febbraio 1945 in Italia viene introdotto il suffragio universale con il quale, per la prima volta, viene dato diritto di voto alle donne

 

Social

newFB newTwitter