Roma, 14 novembre 2023   |  

Fiocchi: piano lupo è il momento di una svolta

All'incontro tenuto ieri, lunedì 13 Novembre a Roma sono intervenute associazioni e comitati rappresentanti il territorio lecchese. Un tavolo che ha espresso seria preoccupazione riguardante gli attacchi dei lupi verso animali e uomini

foto pietro fiocchi

didascalia: eurodeputato Pietro Fiocchi

È quanto è emerso dal tavolo promosso dall’On. Fiocchi al Ministero delle Politiche Agricole, lunedì 13 Novembre,  alla presenza del Sottosegretario di Stato Sen. La Pietra e del Vice Comandante dei Carabinieri Forestali Gen. Monaco.

All’incontro vi erano associazioni e comitati rappresentativi di realtà dei territori interessati ove il lupo provoca allarme sociale. Al tavolo si sono espresse diverse realtà provenienti da Piemonte, Lombardia, Toscana, Abruzzo e Emilia Romagna. Da registrare anche la presenza e l’apporto di Davide Titoli, coordinatore Fdi del VCO e dal rappresentante di Wilderness, che sostiene, sul tema lupo, le ragioni del mondo rurale Spartaco Gippoliti.

A sottolineare l’emergenza sono le oltre 10.000 firme raccolte e consegnate al Sottosegretario La Pietra. Si è inteso rappresentare al Governo come l'impostazione del Piano lupo sia inadeguata a contrastare sia l'aumento dei danni provocati dai lupi alle aziende zootecniche e causi l'abbandono dei pascoli nonché le limitazioni della libertà di esercitare attività all'aperto.

“È da anni che mi impegno in tutte le sedi, ed in particolare in Europa, riguardo al problema di questa specie - dichiara l’On. Fiocchi – che, non essendo più da considerarsi in via di estinzione per cui altamente protetta, deve essere quanto prima declassata e contenuta”

“Mi Preoccupano in particolare gli attacchi all’uomo e agli animali da affezione da parte di alcuni esemplari ritenuti “problematici”. Ritengo inoltre, che il progetto Life WolfAlps abbia di fatto esaurito in gran parte i suoi compiti. Semmai, i fondi siano nel frattempo destinati a risarcire adeguatamente i danni subiti dagli agricoltori e dagli allevatori e alla tutela della biodiversità. La Commissione Europea – conclude Fiocchi – ha dichiarato l’intenzione di approvare ogni piano di gestione del lupo perché ora riconosce la problematicità della specie.”

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

5 Marzo 1953 Josif  Vissarionovič Džugašvili Stalin muore a Mosca a seguito di un attacco cerebrale

Social

newFB newTwitter