Milano, 24 novembre 2023   |  

Rallentamento economia nazionale e regionale. Coinvolta anche area lariana

Rispetto al terzo trimestre 2022, frenano industria e artigianato, ma anche il terziario perde smalto

refugees 1015305 640

didascalia: immagine da Pixabay

Il Presidente della Camera di Commercio di Como-Lecco, Marco Galimberti commenta: Nel terzo trimestre del 2023 l'economia lariana ha subito gli effetti del generalizzato rallentamento registrato a livello nazionale ed europeo.

Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente si osservano variazioni negative nella produzione dell'industria e dell'artigianato. Il comparto dei servizi, nonostante rimanga positivo, registra una perdita di dinamismo. Resta pressoché invariato il volume d'affari nel settore commerciale.

Le aspettative per il prossimo trimestre risentono dell'incertezza che caratterizza il contesto economico attuale. Un segnale positivo è però quello relativo all'occupazione che si mantiene stabile in tutti i settori, pur con un moderato incremento delle ore di cassa integrazione richieste. Le imprese lariane infatti dimostrano fiducia nel futuro e nelle proprie capacità di far fronte alle sfide poste dallo scenario globale.

In queste settimane la Camera di Commercio è al lavoro per pianificare le attività per il 2024 con l'obiettivo di massimizzare le risorse a sostegno dell'economia territoriale, nella consapevolezza di lasciare al nuovo Consiglio, che si insedierà nella primavera prossima, una situazione patrimoniale ampiamente positiva.

Ciò consentirà ai nuovi amministratori di prendere decisioni incisive e mirate per il periodo che si estenderà dal 2024 al 2029, contribuendo così a consolidare ulteriormente il tessuto produttivo ed economico del nostro territorio.

L’analisi congiunturale del 3° trimestre 2023 1 mostra un ulteriore rallentamento del comparto industriale lariano. La provincia di Como (dopo due trimestri con variazioni tendenziali positive) inverte l’andamento: l’unico valore con il segno “più” è l’occupazione, la cui crescita scende da +1,1% a +1%: produzione -2,6% (contro +0,8%); ordini -4,4% (la variazione tendenziale del 2° trimestre era stata +5,6%); fatturato -2,6% (contro +5%). A Lecco le variazioni tendenziali di produzione, fatturato e occupazione si mantengono sui livelli del precedente trimestre (la prima passa da -3,5% a -3,7%; il secondo da -5,8% a -5,1% e la terza da -0,2% a -0,5%), mentre quella degli ordini migliora, pur restando negativa (da -5,6% a -2,5%, cfr. tav. 1 allegato statistico). In peggioramento in entrambi i territori lariani i valori dell’artigianato (cfr. tav. 2 allegato statistico). A Como torna negativa la variazione della produzione (-2,2% contro il +1,3% dei tre mesi precedenti) e peggiora quella di ordini e fatturato (rispettivamente da -2,2% a -2,6%, e da +1% a +0,9%). Si mantiene positiva la variazione tendenziale dell’occupazione, ma in riduzione dal +2,2% del 2° trimestre 2023 al +0,9% del 3° trimestre. Anche a Lecco calano produzione (-0,6% contro il +2,3% del trimestre precedente) e fatturato (-0,4% contro +3,8%); viceversa, rimangano positivi, ma in peggioramento, ordini e occupazione (rispettivamente +0,7% e +0,2% contro +2,1% e +0,8%).

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Febbraio 2001 i quindici Stati dell'Unione Europea firmano il Trattato di Nizza

Social

newFB newTwitter