Cantù , 02 agosto 2023   |  

Ospedale di Cantù: in corso i lavori per la nuova area semi-intensiva

Le lavorazioni previste hanno imposto una sospensione dei ricoveri ma il personale è a disposizione di tutte le attività svolte nel presidio sia per quanto riguarda la programmazione chirurgica che i reparti di Riabilitazione Cardio-Respiratoria e Medicina.

Lanni e Ps

L’ospedale di Cantù ha visto avviare nel corso delle ultime settimane una serie di cantieri per l’adeguamento alle normative antincendio, per la riqualificazione degli spazi e il conseguente miglioramento delle attività e dei servizi. Entro il mese di settembre prenderanno il via ulteriori lavori legati, in particolare, all’ospedale di Comunità.

“Pur nelle difficoltà del sistema - osserva il direttore generale di Asst Lariana, il dottor Fabio Banfi - la mia direzione si è sempre qualificata in un’opera di rilancio del presidio Sant’Antonio Abate. E’ di tutta evidenza, e perfino stucchevole ribadirlo, che tutti gli interventi in corso e a breve realizzati, concorrono a potenziare l'ospedale di Cantù”.

Rianimazione Il reparto, dai primi di luglio, è interessato dai lavori di adeguamento alla normativa antincendio. L’intervento si concluderà nei primi giorni di ottobre e rientra in un appalto complessivo da 1 milione e 500mila euro che ha interessato anche altri reparti del presidio. In contemporanea ai lavori in Rianimazione sono stati avviati anche i lavori per la nuova area semi-intensiva, dotata di tre posti letto, che sarà realizzata proprio in continuità della Rianimazione (i lavori si concluderanno entro la fine dell’anno e sono stati finanziati con 180mila euro dalla struttura commissariale governativa per l’Emergenza Coronavirus). In questo spazio saranno poi ospitati quei pazienti non ancora trasferibili direttamente nei reparti perchè necessitano ancora di un monitoraggio costante ma con un bisogno assistenziale minore rispetto a quello previsto dalla Rianimazione.

Le lavorazioni previste hanno imposto una sospensione dei ricoveri ma il personale è a disposizione di tutte le attività svolte nel presidio sia per quanto riguarda la programmazione chirurgica che i reparti di Riabilitazione Cardio-Respiratoria e Medicina.

Centro Pma - Impianto anidride carbonica Sono in corso e proseguono i lavori per la realizzazione della criobanca, a servizio dell’attività del Centro Pma (procreazione medicalmente assistita), e quelli per l’impianto per l’anidride carbonica a servizio del blocco operatorio. La conclusione dei lavori, finanziati con 80mila euro, è prevista entro la fine di ottobre ma gli interventi previsti non interferiscono con le attività.

Pronto Soccorso Proseguono e si concluderanno entro settembre i lavori al Pronto Soccorso per la realizzazione della nuova area triage, finanziata dalla struttura commissariale governativa per l’Emergenza Coronavirus con 333.060 mila euro. L’intervento interessa una superficie di circa 110 metri quadri e prevede la trasformazione dell’area di segreteria, studi e spazi attigui in una nuova area per il triage e l’attesa di pazienti infettivi, con una sala osservazione, una sala visita e servizi igienici.

Endoscopia L’attività di endoscopia sarà trasferita nel vecchio blocco operatorio dove i lavori di ristrutturazione e adeguamento sono partiti a fine giugno. Il cantiere, finanziato con 145mila euro, proseguirà fino a fine anno. A conclusione dei lavori e del trasferimento nella nuova sede, i locali dell’Endoscopia saranno quindi risistemati per accogliere i servizi e le attività della Neuropsichiatria Infantile e dell’Adolescenza.

Ospedale di Comunità In autunno sarà avviato il cantiere per l’ospedale di Comunità. L’investimento complessivo ammonta a 600mila euro. L’ospedale - 20 posti letto - sarà ospitato al quarto piano dell’edificio P.

Impianto di condizionamento Entro la prima settimana di agosto sarà stipulato il contratto di aggiudicazione dei lavori per la realizzazione dell’impianto di condizionamento nell’edificio M e il completamento degli interventi negli edifici P e G (sempre per l’impianto di condizionamento). Gli interventi - complessivamente finanziati con 2 milioni e 500mila euro - prenderanno il via a settembre.

Impianto antincendio In autunno saranno avviati i lavori per l’adeguamento alla normativa antincendio negli edifici K e P (finanziati con 2 milioni e 500mila euro).

Casa di Comunità Entro la fine dell'anno, infine, saranno avviati i lavori nell’edificio P e nell’edificio F per la Casa di Comunità. Il cantiere, finanziato con 1 milione e 600mila euro, durerà circa un anno e prevede anche la riqualificazione dei locali che ospitano il Centro Unico di Prenotazione (Cup).

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Febbraio 2001 i quindici Stati dell'Unione Europea firmano il Trattato di Nizza

Social

newFB newTwitter