Roma, 08 novembre 2023   |  

La Bibbia in un app

La scommessa è stata vinta. La nuova app Bibbia lanciata dalla Conferenza Episcopale Italiana per consentire la consultazione di testi biblici attraverso dispositivi tecnologici di ultima generazione ha ricevuto ben 150 download.

bibbia app

didascalia: immagine da Pixabay

La nuova app Bibbia lanciata dalla Conferenza Episcopale Italiana per consentire la consultazione di testi biblici attraverso dispositivi tecnologici di ultima generazione ha ricevuto ben 150 download. L'applicazione offre i servizi del sito www.bibbiaedu.it e, come ricorda la stessa Cei, "consente di accedere e mettere a confronto la traduzione della Bibbia Cei 2008 con tutti gli altri testi ufficiali in italiano, ebraico e greco".

Una versione usabile anche "in modalità on line" e a beneficio anche di persone con difficoltà visive. "I numeri - commenta il direttore dell'Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali ideatore dell'iniziativa insieme con Segreteria generale e Settore dell'apostolato biblico dell'Ufficio catechistico - confermano l bontà del progetto e sono anche stimolo ad andare avanti con altre novità, non dimenticando peraltro che il sito Bibbiaedu.it mette a disposizione anche alcuni audio dei testi ed è un progetto in via di sviluppo che vorremmo integrare sulle piattaforme podcast".

Come già evidenziato più volte da papa Francesco, la Chiesa è chiamata ad avvalersi nella sua opera evangelizzatrice dei nuovi strumenti offerti dalla tecnologia. Don Dionisio Candido, responsabile del Settore dell'apostolato biblico, conferma che "la app è una risposta concreta all'invito del Concilio di rendere la Sacra Scrittura accessibile e familiare a tutti". E aggiunge che "è necessario trovare le soluzioni migliori per le persone a esempio con disabilità visiva , attraverso accorgimenti nel settaggio delle lettere".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Febbraio 2001 i quindici Stati dell'Unione Europea firmano il Trattato di Nizza

Social

newFB newTwitter