Como, 08 novembre 2023   |  

Gli imprenditori attenti alla formazione scolastica

Lunedì 13 novembre, presso il Polo territoriale di Lecco del Politecnico di Milano, Confindustria Lecco e Sondrio e Fondazione Don Giovanni Brandolese incontrano Giuseppe Valditara, ministro dell'Istruzione e del Merito

LEZuniversity 105709 1280

Lezione universitaria (da pixabay)

Confindustria Lecco e Sondrio e Fondazione Don Giovanni Brandolese organizzano per lunedì 13 novembre alle ore 18.30 il convegno dal titolo Scuola e Impresa, insieme per cambiare, che si terrà presso il Polo territoriale di Lecco del Politecnico di Milano.

Sarà protagonista dell’incontro il Ministro dell'Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara. Interverranno inoltre Giovanni Biondi, Fondazione Rocca, Giovanni Brugnoli, Vicepresidente di Confindustria per il Capitale Umano, Elena Ugolini, Responsabile settore Education di Fondazione Ducati e delle Scuole Malpighi di Bologna.

A condurre i lavori sarà Plinio Agostoni, presidente di Confindustria Lecco e Sondrio e di Fondazione Don Giovanni Brandolese, il quale sottolinea come «l’evidente e crescente disallineamento fra domanda ed offerta di lavoro nel nostro Paese, che paradossalmente si coniuga con un numero drammaticamente esteso di giovani neet (not [engaged] in education, employment or training, vale a dire giovani che non studiano, non lavorano né frequentano corsi di avviamento al lavoro), non è l’unica questione ad ispirare la proposta: occuparsi di scuola è evidentemente occuparsi del futuro collettivo.

In questa ottica, il mondo economico è uno dei principali attori chiamati ad affrontare il tema, anche favorendo il confronto e il dibattito sui diversi aspetti collegati per promuovere un cambiamento.

L’evento proporrà una riflessione focalizzandosi sull’istruzione tecnico-professionale, nella logica di valorizzarla conferendole dignità pari ai percorsi liceali. Ma proporrà anche e soprattutto una riflessione ad ampio spettro che guardi ad una trasformazione profonda del nostro sistema scolastico.

Le imprese hanno bisogno di una scuola rinnovata nella direzione sopra richiamata, e il cambiamento potrà avvenire se le imprese porteranno il proprio contributo per una scuola più autonoma, libera e moderna».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Febbraio 2001 i quindici Stati dell'Unione Europea firmano il Trattato di Nizza

Social

newFB newTwitter