Como, 06 luglio 2021   |  

Covid, invasione cinghiali agricoltori in piazza

Con la pandemia assalto a campagne e centri urbani Scoppia la protesta da Montecitorio in tutta Italia In piazza anche gli agricoltori lariani

invasione cinghiali

Non è mai stato così alto l’allarme per l’invasione di cinghiali in Italia, che con l’emergenza Covid hanno trovato campo libero in spazi rurali e urbani, spingendosi sempre più vicini ad abitazioni e scuole fino ai parchi dove giocano i bambini. Gli animali selvatici distruggono produzioni alimentari, sterminano raccolti, assediano campi, causano incidenti stradali con morti e feriti e si spingono fino all’interno dei centri urbani dove razzolano tra i rifiuti con pericoli per la salute e la sicurezza delle persone #bastacinghiali.

Una situazione che ha ormai oltrepassato il limite di guardia con gli agricoltori esasperati che giovedì 8 luglio 2021 dalle 9.00 a Roma in piazza Montecitorio scatenano la più grande protesta mai realizzata prima nella Capitale e con le mobilitazioni in tutte le Regioni: in Lombardia l’appuntamento è a Milano in piazza Città di Lombardia, con il coinvolgimento di agricoltori, allevatori e cittadini e le dolorose testimonianze di chi è stato personalmente colpito. In piazza a Milano ci sarà anche una delegazione di agricoltori delle province di Como e Lecco guidati dal presidente interprovinciale Fortunato Trezzi e dal direttore Giovanni Luigi Cremonesi.

Appuntamenti anche da Torino a Bologna, da Palermo a Cagliari, fino a Napoli. In piazza Montecitorio a Roma saranno presenti insieme al presidente della Coldiretti Ettore Prandini i rappresentanti delle istituzioni e della politica a livello nazionale. Per l’occasione sarà diffuso l’esclusivo Dossier Coldiretti su “Covid e l’assedio dei cinghiali in Italia”, sui rischi per la sicurezza, l’ambiente e la salute e le proposte concrete per garantire la sopravvivenza delle aziende agricole e la tranquillità dei cittadini.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Settembre 1759 papa Clemente XIII pubblica la Lettera enciclica Cum primum, sulla corruzione dei chierici, contro l'esercizio della mercatura da parte di questi, contro gli impegni servili e laicali e le attività secolari.

Social

newFB newTwitter