Como, 17 maggio 2021   |  

Como sconfitto al Sinigaglia dalla Ternana

di cristiano comelli

Secondo boccone amaro ingoiato in altrettante sfide e addio "SuperCoppa" di serie C.

football 606235 640

Anche se sconfitto con un pesante 3-0 al "Luigi Sinigaglia" contro la Ternana schiacciasassi, il Como non ha però il muso lungo, e per due fondati motivi. Il primo è il riapprodo in cadetteria, il secondo la medaglia ricevuta dai calciatori e dal tecnico Giacomo Gattuso, destinato pare alla riconferma, che sono stati festeggiati per il prestigioso traguardo raggiunto.

PRIMO TEMPO - La Ternana prova subito a graffiare con l'argentino Falletti che però calcia alto. Al 4' il Como risponde con un'incornata di Gabrielloni fuori misura. L'avvio è roboante da parte di ambedue le compagini. Al 17' i rossoverdi ci provano con Partipilo ma Bolchini gli sbarra la strada. Non sbaglia invece Salzano che al 20', dal limite, fulmina il portiere lariano regalando alle Fere il vantaggio. Tre minuti dopo il Como abbozza una reazione con Cicconi ma il suo diagonale non impensierisce il portiere ex Viterbese Castrense Iannarilli. Al 37' gli umbri cercano di prendere il largo ma Partipilo mette a lato di testa. Il raddoppio è però nell'aria e si materializza al minuto 41 quando l'ex Livorno Vantaggiato, di testa, infila Bolchini su cross di Defendi. Primo tempo appannaggio delle Fere che lo conducono in porto con un vantaggio meritato.

SECONDO TEMPO - Al 6' Dkidak cerca la reazione comasca ma spara a lato con un diagonale, lo stesso fa Furlan su opposto versante al 9'. Al 25' i rossoverdi chiudono i conti con Peralta dal limite. Al 33' l'ex Livorno, Bari e Vicenza Raicevic spara fuori misura. Il Como cerca almeno la rete della bandiera con Iovine al 41' ma non la trova. Il pensiero è ora alla preparazione meticolosa del campionato cadetto dove i lariani non sono affatto intenzionati a recitare la parte della ballerina di fila.

GIACOMO GATTUSO (ALL.COMO): "Sapevamo che non sarebbe stato facile, non è un periodo semplice per noi e abbiamo affrontato una squadra molto forte. Quello che contava per oggi era festeggiare tutti insieme e questa medaglia è motivo d'orgoglio per noi e per me".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Social

newFB newTwitter