Como, 02 novembre 2023   |  

Como: commemorazione dei fedeli defunti

Omelia del Vescovo di Como Cardinale Oscar Cantoni nella messa solenne in cattedrale

defu1

didascalia: immagine da Pixabay

Giovedì 2 novembre, in Cattedrale, alle ore 10.00, il vescovo di Como, cardinale Oscar Cantoni, ha presieduto la Santa Messa nella memoria dei Vescovi e dei Canonici della Cattedrale defunti. Qui di seguito il testo dell’omelia.

«Utilizziamo innanzitutto questo giorno, in cui facciamo grata memoria dei nostri defunti, per proclamare con ferma convinzione di fede ciò che sostiene e illumina tutti i cristiani: cioè, che la morte non è che un passaggio alla pienezza della Vita, dove la Santissima Trinità, accoglierà quanti hanno seguito Cristo Signore, hanno creduto e sperato in Lui. Le stesse acclamazioni di Giobbe, appena proclamate, sono pure sulle nostre labbra: “Dopo che questa mia pelle sarà strappata via, senza la mia carne, vedrò Dio. Io lo vedrò, io stesso, i miei occhi lo contempleranno e non un altro”.

E il salmo responsoriale proposto così acclama: “Sono certo di contemplare la bontà del Signore nella terra dei viventi”. Ci auguriamo che questa professione di fede, così incisiva, non comporti in noi solamente una piena adesione intellettuale, ma possa anche essere accolta e riconosciuta nella nostra esistenza personale quale fonte di pace e di gioia. In questo modo, soprattutto al momento del nostro trapasso, soli con noi stessi, magari anche assaliti dalla paura e dalla incertezza, ultima tentazione, potremo concludere in spirito di filiale abbandono in Dio e in pace con Lui e i fratelli la nostra vita, totalmente dedicata al servizio del Signore e della comunità ecclesiale. Da quando l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo, nel giorno del nostro Battesimo, abbiamo la certezza che Egli continua a proseguire la sua opera, quella di sviluppare in noi la consolante certezza di essere figli di Dio, per sentirci riconciliati con il Padre, resi pienamente conformi a Cristo, morto e risorto per noi. Affronteremo così il momento della nostra morte con cristiana letizia, fino ad acclamarla, con S. Francesco d’Assisi, come “nostra sorella morte corporale”.

Nel corso di questa Eucaristia affidiamo al Signore tutti i nostri Vescovi diocesani defunti e i canonici della nostra cattedrale che hanno amato e servito la nostra Chiesa. Essi, che sono stati per noi e con noi i primi testimoni del Risorto, possano godere della eterna comunione con Dio e con quanti, uomini e donne, ci hanno preceduto nel cammino della fede e che ora godono con loro la stessa pace e beatitudine. Niente va perduto del bene che i nostri Pastori hanno seminato sulla terra, a volte anche con le lacrime, nel tempo del loro ministero.

Noi crediamo che l’impegno, le fatiche e le non poche sfide che essi hanno dovuto affrontare, saranno rese feconde dalla potenza dell’amore di Dio, così come Egli continuerà a moltiplicare il tanto bene che noi stessi abbiamo ricevuto dai nostri Pastori, ai quali dobbiamo riconoscenza e gratitudine perenne. Attraverso le loro caratteristiche particolari (e ciascuno ha il suo dono!) i nostri vescovi e presbiteri ci hanno illustrato il volto di Dio, hanno saputo tradurre in azioni storiche, molto eloquenti, i sentimenti propri del Figlio di Dio, fattosi uomo, e condividere le sue stesse azioni misericordiose a vantaggio di tutti, soprattutto dei sofferenti, dei poveri e dei peccatori. Infatti, tutto quello che Gesù ha operato, nella sua esistenza terrena, oggi si attualizza per opera dello Spirito santo nella Chiesa attraverso i Sacramenti, distribuiti con costante larghezza dai nostri Pastori.

Grati per la loro vicinanza e per l’esempio di cui noi facciamo tesoro, ci rivolgiamo con fiducia al Padrone della messe, perché si ricordi di quanti hanno operato nella sua vigna, rendendosi strumenti della sua grazia. Godano ora del premio eterno che Gesù ha promesso a quanti hanno lasciato tutto e l’hanno seguito, donandosi con generosità al servizio dei fratelli». Cardinale Oscar Cantoni

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Febbraio 2001 i quindici Stati dell'Unione Europea firmano il Trattato di Nizza

Social

newFB newTwitter