Cantù, 13 novembre 2023   |  

Basket: riscatto doveva essere e riscatto è stato.

di cristiano comelli

Cantù supera sul parquet amico per 81-66 la Real Sebastiani Rieti.

palla1

didascalia: immagine da Pixabay

Riscatto doveva essere e riscatto è stato. Cantù supera sul parquet amico per 81-66 la Real Sebastiani Rieti. Tra gli spettatori d'eccellenza il nuovo acquisto Riccardo Moraschini, tra le colonne dell'Umana Reyer Venezia in LBA nella stagione 2022-23 e pronto a dare il suo prezioso apporto di talento ed esperienza al sodalizio di coach Devis Cagnardi. A svettare su tutti, in termini di punti messi a referto, sono stati Hickey e Nikolic ma anche Berdini e Young non hanno demeritato. A Rieti non è invece bastato il contributo realizzativo di un Hogue molto ispirato con i suoi 19 punti.

PRIMO QUARTO - Cantù parte come meglio non potrebbe e con una schiacciata di Nikolic e una soluzione da tre di Young cerca subito di allungare, Johnson e Raucci però contengono lo svantaggio reatino. Hickey appare particolarmente a suo agio nelle soluzioni dall'arco e il coach ex Scafati Alessandro Rossi chiama il timeout. Young e una tripla dell'ex Eurobasket Bucarelli consentono però alla squadra di Cagnardi di tenere le mani ben salde sulla gara con il punteggio di 25-10.

SECONDO QUARTO - Nwohuocha tiene i padroni di casa in avanti, Rieti perde l'ex Udine Nobile per infortunio, Berdini consente a Cantù di allargare il fossato in modo significativo sino al più ventuno ovvero sul 46-25 con cui le due squadre si buttano tra le braccia dell'intervallo lungo.

TERZO QUARTO - Rieti, nonostante la buona vena di Hogue e dell'ex Orzinuovi Spanghero, non sembra riuscire a risalire la china e Cantù, trascinata da un ispiratissimo Hickey, tiene bene le mani sulla gara chiudendo alla mezz'ora avanti per 63-44.

ULTIMO QUARTO - Nwohuocha continua a rendere come sa, Hickey trascina Cantù a suon di canestri e raggiunge la doppia cifra consentendo a Cantù di lasciarsi alle spalle lo stop di Agrigento con il punteggio di 81-66.

TABELLINO

ACQUA SAN BERNARDO CANTU'- REAL SEBASTIANI RIETI 81-66

ACQUA SAN BERNARDO CANTU': Hickey 20, Nikolic 19, Berdini 13, Young 11, Bucarelli 7, Nwohuocha 5, Burns 4, Tarallo 2, Meroni, Clerici. Coach: Devis Cagnardi.

Tiri liberi: 8 su 14, rimbalzi 38 (Nwohuocha 8), assist 21 (Hickey 8).

REAL SEBASTIANI RIETI: Hogue 19, Johnson 11, Spanghero 10, Italiano 7, Ancellotti 6, Petrovic 5, Raucci 4, Frattoni 4, Piccin, Nobile, Bidarra. Coach: Alessandro Rossi.

Tiri liberi: 16 su 24, rimbalzi 38 (Hogue 9), assist 16 (Johnson 6).

POSTGARA

CAGNARDI: "Abbiamo fatto la partita che volevamo, in settimana avevamo lavorato intensamente con grande concentrazione, sfruttando finalmente il fatto di averla intera. Avevamo bisogno di gestire i carichi di lavoro per migliorare la nostra pallacanestro, offensiva e difensiva, siamo molto soddisfatti della vittoria ma anche per come è arrivata e per la prestazione. I ragazzi sono riusciti a esprimersi e ne avevamo bisogno perché, anche se fin qui avevamo fatto un cammino molto lineare e positivo, arrivavamo comunque da una sconfitta, seppur arrivata in maniera particolare essendo stata la terza partita in una settimana e arrivata dopo alcuni infortuni e un viaggio lungo, queste cose continuo a ripeterle perché è giusto che i miei giocatori si sentano tutelati, oggi hanno espresso agonismo ed energia, con un'ottima comunicazione su cui continueremo a lavorare".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

5 Marzo 1953 Josif  Vissarionovič Džugašvili Stalin muore a Mosca a seguito di un attacco cerebrale

Social

newFB newTwitter