Cantù , 24 giugno 2022   |  

Basket Meo Sacchetti la presentazione ufficiale

di cristiano comelli

Determinazione, voglia di regalare la promozione alla squadra e affetto per la società che lo ha accolto e in lui ha riposto la fiducia

acnt

Meo Sacchetti, ex ct della nazionale azzurra e ora allenatore dell'Acqua San Bernardo Cantù , si è presentato ufficialmente. "Quando il general manager Santoro mi ha chiamato - ha detto - ho subito pensato a tutte quelle volte in cui, in carriera, ho affrontato Cantù da avversario, credo che la storia non si possa comprare, o si ha o la si costruisce, e Cantù può vantare di avere una storia incredibile alle sue spalle, una piazza divenuta grande non solo per i successi a livello nazionale ma anche in ambito internazionale". Nelle sue parole si coglie tutta la fierezza per essere entrato a fare parte della famiglia canturina.

La consapevolezza di un treno che, quando passa, non si può assolutamente perdere. "La nostra prima scelta- dice anticipando un po' le modalità di conduzione del mercato - sarà orientata su un playmaker di alto livello perchè credo, per mia esperienza personale, che dal ruolo del play passino sempre le sorti di una squadra". Una scelta di campo in cui è racchiusa anche una precisa filosofia di gioco. "Una volta scelto il nostro play titolare- conclude- potremo pensare a completare il resto dell'organico".

Grande soddisfazione si respira anche nelle parole del presidente Roberto Allievi: "quest'anno cercherò di essere più cauto - afferma- pur confermando le medesime ambizioni della passata stagione, la squadra, naturalmente, giocherà per salire ma cercheremo di pensare partita per partita , solo così potremo costruire un percorso importante". Si dice "molto felice" per l'ingaggio di Sacchetti.

Il general manager Sandro Santoro ha chiosato affermando che si debba sottolineare "il miracolo che questa società è stata capace di compiere anni addietro riuscendo a mantenere in vita un club dalla grande storia nonostante le note vicissitudini del passato". Quanto a Sacchetti, ne ricorda i molti successi professionali sottolineanto che "ha conquistato tutto ma ha ancora l'entusiasmo delle prime volte".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Agosto 1941 Massimiliano Kolbe muore nel bunker della fame ad Auschwitz dopo essersi offerto volontario al posto di un altro prigioniero.

Social

newFB newTwitter