Cantù, 27 novembre 2023   |  

Basket: Cantù sconfitto dal Vigevano

di cristiano comelli

Dopo due vittorie, ecco uno stop clamoroso

palla1

Cantù esce dal parquet di una sorprendente matricola Vigevano con una sconfitta per 82-99 che interrompe la sua miniserie positiva e la lascia comunque al secondo posto alle spalle di Trapani. Il roster di coach Devis Cagnardi è stato sorpreso dalla prorompenza dei pavesi che, trascinati dal duo americano Wideman- Smith, hanno dominato la scena dall'inizio alla fine.

PRIMO QUARTO - La matricola Elachem Vigevano vuole lasciarsi alle spalle il cappaò sul parquet dell’altra matricola Real Sebastiani Rieti. Cantù, seconda in graduatoria, non vuole perdere il contatto con la capolista Trapani Shark impegnata nel match serale contro Rieti. Il match comincia con l’osservanza di un minuto di silenzio per la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Peroni fallisce il primo tentativo dall’arco per Vigevano. Cantù va poi a canestro da sotto, Vigevano risponde subito e , dopo un minuto, le due squadre sono sul 2-2. Nikolic piazza però subito il 4-2 canturino. Nuovo sussulto dei padroni di casa e nuova parità. Le due squadre giocano da subito con grande determinazione consapevoli dell’importanza della posta in palio, i ducali per rinforzare la loro classifica, i canturini per restare incollati alla capolista Trapani. Burns riporta Cantù avanti di un possesso. Wideman, però, risponde subito e la partita non si muove dall’equilibrio. Una schiacciata di Wideman porta Vigevano avanti di due punti: 8-6 dopo quattro minuti di gioco. Vigevano sembra avere approcciato molto bene la gara con la più titolata Cantù lasciando in soffitta i timori reverenziali. Altro pareggio canturino, ma una tripla di Leardini rimette Vigevano avanti per 11-10. Cantù appare un po’ nervosa e incappa nel terzo fallo di squadra, questa volta su Wideman sorvegliato speciale già autore di sei punti per i vigevanesi. Wideman va a canestro e si prende il libero aggiuntivo. Cagnardi , vedendo l’arrembanza dei padroni di casa, decide di parlarci su con i suoi chiamando il timeout sul 15-13 per Vigevano dopo sei minuti. Wideman completa il gioco da tre e Vigevano è avanti di un possesso pieno. Young rimette Cantù in scia. Vigevano si rimette avanti di tre punti. Wideman continua a essere una furia e colpisce anche sottocanestro ed è il massimo vantaggio dei ducali con più cinque: 20-15. Wideman ha già uno score di undici punti ed è al momento l’uomo partita di Vigevano. Bertetti porta i padroni di casa sul più sei. Cantù continua a essere sorpresa dalla determinazione messa in campo dai ducali. Cantù si tiene in scia dalla lunetta per il 23-19. Burns accorcia ulteriormente le distanze e il primo quarto vede Vigevano avanti per 23-21. Ottime percentuali per i tiri da due punti per i padroni di casa, otto su nove.

SECONDO QUARTO - Vigevano parte bene con una tripla di Peroni. La risposta di Cantù arriva con la stessa moneta per opera dell’ex Umana Reyer Venezia Moraschini: 26-24 dopo un minuto di gioco. Battistini porta Vigevano sul più quattro. Tripla di Burns e Cantù si riporta a meno uno. La partita scorre sui binari dell’equilibrio ma Vigevano riesce a tenerla in pugno con la buona lettura con cui l’ha approcciata. Rossi, dalla lunetta, ne mette due su due e Vigevano si riporta avanti di un possesso pieno. Smith colpisce di nuovo da sottocanestro ed è il più cinque dei padroni di casa.

Wideman affonda la lama e fa restare Vigevano in alta quota. Coach Cagnardi sente di dover ancora convocare per un conciliabolo che auspica risolutivo i suoi e spende il secondo time out. Vigevano, a metà quarto, conduce per 34-27. Cantù, alla ripresa, si riavvicina sino al meno uno con Berdini e questa volta è coach Lorenzo Pansa a chiamare il timeout per i ducali. Tripla di Smith e Vigevano si riporta in mare aperto ma Young risponde da par suo. Il divario permane di un punto soltanto. Moraschini subisce fallo e va in lunetta e, facendone uno su due, porta il match in parità sul 37-37 a quattro minuti e mezzo dall’intervallo lungo. Smith rimette subito Vigevano in quota per un possesso.

I ducali allargano il fossato a più quattro con Battistini ma Cantù si riavvicina subito. Bucarelli riesce a portare Cantù in corsia di sorpasso per un punto ma un rimbalzo sfruttato a dovere da Battistini riporta il roster della città della calzatura avanti. Nuovo pareggio canturino con una soluzione dalla lunetta. Vigevano si rialza però subito in quota dimostrando di essere sempre sulle corde della determinazione.

Burns , con un tapin, rimette il match in parità. Partita molto divertente con le due squadre brave a controllarsi a vicenda. Battistini , con una tripla, realizza i punti del 48-45 a un minuto e quindici dall’intervallo lungo. Battistini conferma la sua ottima ispirazione e porta Vigevano sul più cinque. Sulla sirena Wideman si prende canestro e libero aggiuntivo. All’intervallo lungo i pavesi sono avanti per 53-45. Vigevano molto determinata, Cantù in difficoltà nell’arginare l’attacco ducale animato soprattutto da Wideman.

TERZO QUARTO - Wideman, dall’angolo, amplia il vantaggio di Vigevano: 56-45 e massimo vantaggio di Vigevano dopo un minuto. Ancora Wideman si mostra monumentale portando a diciotto punti il suo score personale e mandando i padroni di casa in doppia cifra di vantaggio sul più undici. Cantù, però, in un baleno si ritrova a meno sei rimettendo in discussione il match. Bertetti porta di nuovo Vigevano sul più nove.

Gioco di contropiede tra Smith e Wideman e quest’ultimo va ancora a canestro riportando Vigevano in doppia cifra. 65-55 a metà quarto. Gli è fischiato poi un tecnico per un’esultanza ritenuta eccessiva dalla terna arbitrale. Young schiaccia due punti e Cantù prova a rimettersi in scia. Bucarelli subisce fallo e va in lunetta mettendone due su due. Vigevano è avanti per 68-62. Tripla di Nikolic e Cantù sale a meno tre riaprendo l’esito della contesa. Smith rimette i padroni di casa a più sei. Cantù, però, ci crede e si porta a un possesso di distacco grazie a Hickey. Vigevano però riallarga il fossato con una tripla di Battistini: 74-69 a trenta secondi dalla fine del quarto. Cantù si riavvicina ma i ducali chiudono avanti alla mezz’ora per 74-72.

ULTIMO QUARTO - Pansa si è visto comminare un terzo per proteste alla fine del terzo quarto. Strautmanis porta Vigevano di nuovo sul più tre dopo il riavvicinamento canturino: 74-73. Vigevano continua a fare collezione di falli tecnici, ne è comminato un altro a Battistini. Cantù va in corsia di sorpasso con una tripla di Hickey, la partita non ha ancora un padrone con gli ospiti avanti per 73-76. Smith si prende canestro e libero aggiuntivo portando Vigevano di nuovo avanti. Wideman ne mette altri due e porta il suo score personale a ventisei punti. I padroni di casa continuano a condurre le danze sull’81-77. Young , a quota quattro falli, va in zona rischio. Wideman continua a essere incontenibile e porta ancora messe abbondante dalla parte del tabellino di Vigevano.

Young deve abbandonare il terreno di gioco essendo incappato nel quinto fallo. Rientra Burns. Vigevano colpisce ancora dalla lunetta e torna sul più dieci: 87-77 a quattro minuti dalla fine del match. I ducali non mollano la presa e si portano rapidamente sul più tredici. Smith affonda nuovamente la lama per il 93-77, i padroni di casa hanno posto le premesse per realizzare un’impresa. Un preoccupato coach Cagnardi chiama il timeout. Alla ripresa, però, Vigevano la tiene in pugno con due tiri liberi a segno. Wideman piazza un’altra soluzione su due dalla lunetta e i pavesi dilagano. Cantù cerca di limitare lo svantaggio con una tripla. Tripla di Rossi dall’angolo e Vigevano si porta sul 99-80. Cantù si prende due liberi ma Vigevano si porta a casa l’impresa con il punteggio di 99-82.

TABELLINO

ELACHEM VIGEVANO: Wideman 31, Smith 25, Battistin 12, Bertetti 10, Leardini 8, Peroni 6, Rossi 5, Strautmanis 2, Bettanti, Oggioni, Amici, Bertoni. Coach: Lorenzo Pansa.

Tiri liberi: 10 su 13, rimbalzi 33 (Battistini 9), assist 21 (Smith 8)

ACQUA SAN BERNARDO CANTU’: Hickey 18, Burns 14, Nikolic 13, Moraschini 13, Bucarelli 9, Young 9, Berdini 6, Meroni, Tarallo, Nwohuocha, Clerici. Coach: Devis Cagnardi.

Tiri liberi: 13 su 15, rimbalzi 27 (Moraschini 7), assist 15 (Bucarelli 6).

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Febbraio 2001 i quindici Stati dell'Unione Europea firmano il Trattato di Nizza

Social

newFB newTwitter